WOSC 2017 abstract submission deadline extension

logo_wosc_01

Dear Friends and Colleagues

Thanks to all of you who have submitted an abstract to the WOSC 17th Congress. For those who were not able to hit the August 30th deadline, we have extended it to September 30th. In the meantime, the acceptance process will be in progress and we would appreciate receiving your abstracts as early as possible.

Themes and tracks

Theme1: People, technology and governance for sustainability

  1. Human aspects of managing systems
  2. Smartness and sustainability
  3. Smart technologies and big data
  4. The Brain of the future
  5. Governance in the Anthropocene: cybersystemic possibilities

Theme 2: Democracy, interactions and organisation

  1. Community self-organization
  2. Democracy and transparency
  3. Interactions revolution: how to harmonise interactions within and between complex adaptive systems
  4. Law, commons, social dynamics
  5. Knowledge to manage the knowledge society: non explicit, non invasive and non directive management
  6. The role of emergence within organizations
  7. The role of Higher Education for Sustainable Development

Theme 3: Cyber-systemic thinking, modelling and epistemology

  1. How can systems thinking help to bring solutions to humankind problems in the 21st century?
  2. Think outside the box with Systems Dynamics
  3. Quantum Modelling
  4. Reflexivity, Second order science, and Context

Submitting an abstract:

Extended abstracts, presented at the congress will be published in the “WOSC 2017 Book of Abstracts”.

In order to submit an extended abstract, authors need to consider Author Guidelines

Refereed Publication of Congress papers

Authors with an accepted abstract will be invited to submit a full research paper and attend the Congress. Papers, presented at the Congress, will be considered for the publication in one of the following journals:

Further leading journals are under consideration for Special Issues. Please, follow updates on the website.

Instructions for full paper submission will be available in Instructions for Full Paper Submissions in the Submission option of the website.

Summary of Congress Schedule

  • 30 SEPTEMBER 2016: EXTENDED ABSTRACTS SUBMISSION DEADLINE
  • 30 OCTOBER 2016: NOTIFICATION OF ACCEPTANCE
  • 15 NOVEMBER 2016: EARLY REGISTRATION DEADLINE
  • 15 NOVEMBER 2016: REGISTRATION DEADLINE FOR ACCEPTED AUTHORS
  • 20 DECEMBER 2016: TENTATIVE CONGRESS PROGRAM
  • 10 JANUARY 2017: FULL PAPERS SUBMISSION
  • 15 JANUARY 2017: OFFICIAL CONGRESS PROGRAM
  • 25-27 JANUARY 2017: CONGRESS

Please register on http://wosc2017rome.asvsa.org/

Looking forward to seeing you in Rome,

Professor Raul Espejo
Scientific Director WOSC 2017
Director General of the WOSC
http://www.wosc.co

 

Professor Sergio Barile
Chair WOSC 2017
Sapienza, University of Rome
www.uniroma1.it

IASS contributes to project: TOBITATE! Young Ambassador Program

トビタテ!留学JAPAN 日本代表プログラムとは

TOBITATE! Young Ambassador Program”, launched in 2014 as a Public-Private Partnership Student Study Abroad Program, aims to create global talent communities through a number of Japanese high school and college students be trained abroad as human resources that Japanese society requires.

In order to foster local development, the local government of Oita has been supporting Japanese students by granting scholarships under Tobitate programme and by assisting employment through matching with companies in association with the “Council for the Development of Glocal Leaders in Oita”, a non-profit organization established as an industry-government-academia group.

The Italian Association for Sustainability Science (IASS), acting as a  platform for Science Policy Society interface and providing capacity building activities to foster the above interface, cooperates with the “Council for the Development of Glocal Leaders in Oita” for the implementation of  Tobitate Programme in Italy.

Erasmus+ project: “A Rounder Sense of Purpose”

IASS participates in a new Erasmus + project, started December 2015

Championing a socially and environmentally sustainable form of development has implications for both what is taught in our schools and the way that education is conducted. This highlights the need for teachers who have the competence to teach education for sustainable development (ESD).

The United Nations Economic Commission for Europe (UNECE) has developed a framework of educator competences for ESD. This, however, remains a largely theoretical tool that has not been (i) tested against other pressing economic and educational priorities or (ii) translated into agreed, measurable learning outcomes.

This three-year project proposes to bring together six experienced and committed institutions, to achieve the following objectives:

  1. Develop a practical accreditation model that teacher educators can use in any European context so that pre-service educators can demonstrate their competence in ESD through a widely-recognised qualification
  2. Develop and disseminate a ‘tools and guidelines’ document to help teacher educators implement the accreditation model in a variety of contexts and give pre-service educators the opportunity to demonstrate their competence in a concrete, measurable manner
  3. Enhance existing mainstream educator training programmes with a wider set of competences that will more accurately reflect the role of formal education in supporting smart, sustainable and inclusive economic development. This will, inter alia, increase the capacity of participating institutions to:
  4. Recognise and validate a broader range of competences among student educators including generic and transferable skills
  5. Embrace a wider range of social and environmental concerns within their programmes
  6. Work in an inter-disciplinary manner
  7. Recruit students who are attracted by the institution’s participative approaches
  8. Develop strategies to enhance organisational learning
  9. Work internationally using digital media on a regular basis
  10. Conduct a thorough, formative and summative external evaluation of the project
  11. Conduct research into the impact of engagement with the competence framework on pre-service teachers and publish this in a peer reviewed journal.

By working closely with practitioners in a range of different contexts, the project aims to facilitate the engagement of 50 teacher educators and over 400 pre-service teachers in the practical application of the ESD competences.

These outputs will be developed through the practical implementation of prototype models, closely monitored through regular discussion with partners in which challenges and triumphs are shared openly, and through periodic transnational meetings to finalise outputs and map out next steps. The outputs will be disseminated via the project website but also through a series of national launch events during the final months of the project.

Through this work participating pre-service educators will learn to recognise the way in which their own values can be reflected in their teaching and be better able to integrate ESD into different aspects of their teaching whatever their subject specialism. Teacher educators will better understand the principles and rationale behind ESD and become advocates for this process in their work.

Ultimately the project will enhance existing educator training programmes with a wider set of competences that will reflect more accurately the role of formal education in supporting smart, sustainable and inclusive economic development. By being able to provide accredited learning alongside any programme of educator preparation, the project will provide a readily accessible response to the problem of educators being ill-equipped to prepare their students for a truly sustainable economy.

Project Partners:

  • University of Gloucestershire (UK)
  • Frederick University (Nicosia, Cyprus)
  • Hungarian Research Teachers’ Association (Budapest, Hungary)
  • Italian Association for Sustainability Science (Rome, Italy)
  • Duurzame PABO (Oostburg, The Netherlands)
  • Tallinn University (Tallinn, Estonia)

Contact: Dr Paul Vare – coordinator
pvare@glos.ac.uk

Dr. Francesca Farioli – IASS
direttore@scienzasostenibilita.org

 

Francesca Farioli presenta lo studio IASS a Ecomondo

ecomondo-p1

ecomondo-p2

La IASS incontra la RUS (Rete delle Università per la Sostenibilità) a Ecomondo

Il 6 novembre scorso a Ecomondo gli atenei italiani aderenti alla RUS – Rete delle Università per la Sostenibilità hanno incontrato le università, le imprese e le pubbliche amministrazioni sul tema dello scambio di best-practices.

Il convegno organizzato all’interno di “Città Sostenibile” ha riscontrato molto interesse e si è strutturato su più sessioni, durante le quali sono intervenuti docenti, rappresentanti delle reti, ma anche imprese che hanno collaborato in modo proficuo con gli atenei.

La giornata è stata aperta da Chiara Mio, Mariane Domeizel e Alessandra Viviani, che si sono concentrate sul valore delle reti tematiche nazionali e internazionali, sottolineando gli aspetti positivi dell’adesione in ottica di crescita e sviluppo delle pratiche sostenibili.
Sono inoltre stati presentati i 17 nuovi obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’ONU, che mirano entro il 2030 ad eliminare la povertà, promuovere la prosperità economica ed il benessere delle persone, a proteggere l’ambiente.

Il convegno è proseguito attraverso alcuni gruppi di lavoro incentrati su tematiche specifiche, a cui hanno preso parte diversi atenei.
Ca’ Foscari, assieme ai Politecnici di Bari, Milano e Torino e le Università di Barie Milano, si è confrontata sul rapporto tra Università e territorio e su come ogni realtà universitaria possa contribuire, con le proprie specificità, allo sviluppo economico, sociale e culturale del proprio territorio e del sistema Paese.

Gli atenei di Bologna, Milano Bicocca, Pavia, Trento e Verona hanno invece condiviso alcune best practices di sostenibilità sulla formazione e il coinvolgimento degli studenti, sul miglioramento dei propri processi interni, sottolineando l’importanza delle università come Living Labs di ricerca.

Infine, l’ultima sessione è stata dedicata al dialogo tra le Università e altre realtà con cui la nuova rete italiana può confornarsi in un’ottica sinergica: è intervenutaMarialuisa Saviano della IASS – Italian Association for Sustainability Science, nata nel 2013 al fine di sviluppare la Scienza della Sostenibilità in Italia.

Obiettivo del convegno era di porre le basi per la RUS – Rete delle Università per la Sostenibilità, che vuole riunire tutte le Università italiane che lavorano sui temi della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale al fine di diffondere la cultura e la pratica della sostenibilità. Ogni Ateneo può aderire mettendo a disposizione le proprie competenze in materia e condividendo esperienze e progetti, inviando una formale richiesta di adesione a segreteria@crui.it ed indicando un referente per la RUS.

Scarica le slide del convegno

Per maggiori informazioni:
Università Ca’ Foscari Venezia – dott.ssa Emiliana Ricciardi
sostenibile@unive.it – 041 234.8076

Quale scienza è necessaria per costruire un futuro sostenibile? Un percorso educativo proposto dalla IASS alla EXPO 2015

Insieme all’EXPO per cercare nuove domande e qualche risposta
EXPO – Padiglione KIS
Un percorso proposto dallo IASS, Associazione Italiana Scienza della Sostenibilità
A cura di Michela Mayer

L’EXPO riguarda il futuro, non solo cosa e come mangeremo nel futuro, ma se e come le nostre società si evolveranno. Come dice Jeremy RIFKIN, nella sua introduzione come ambasciatore dell’EXPO, occorre ‘farsi strada verso una nuova rivoluzione industriale’, per rispondere ai cambiamenti messi i moto dallo sviluppo attuale.
Una ‘rivoluzione’ non è mai solo istituzionale o tecnica, ma è soprattutto una rivoluzione del modo di pensare, una rivoluzione che riguarda anche la scienza. Le rivoluzioni scientifiche hanno preceduto le rivoluzioni industriali e la scienza attuale è il risultato di queste reciproche influenze. Ma questa scienza potrà portarci verso un futuro sostenibile, in cui la specie umana possa vivere ed alimentarsi in equilibrio con il Pianeta che la ospita? E’ solo una questione di quantità – serve più ricerca – o occorre pensare a modalità di fare scienza anche molto diverse da quelle attuali?
All’EXPO vi abbiamo proposto un percorso di riflessione, una ricerca attraverso i padiglioni, le esibizioni, gli elementi anche architettonici e organizzativi, di nuove idee, di spunti per delineare le caratteristiche di una scienza del futuro: una scienza della sostenibilità.
Un punto di partenza è una riflessione su come lavorano attualmente gli scienziati. In genere, costruiscono modelli e propongono esperimenti cercando di semplificare il mondo per capirlo, e lo fanno quasi sempre separando la realtà in settori disciplinari: la fisica, la chimica, la geologia, la biologia. Ma quando si va ad applicare quanto si è capito entrano in campo non solo l’ingegneria o la medicina, ma anche la sociologia, l’economia, la psicologia: se ci preoccupiamo ad esempio del cibo che mangiamo, di come lo produciamo, di come possiamo continuare a produrne in quantità sufficiente, vediamo che la chimica si deve contaminare con la geologia dei terreni, l’ecologia con la biologia dei singoli organismi, la genetica con le nanotecnologie, e tutto questo con l’economia, le scienze della comunicazione, la sociologia….
La prima rivoluzione industriale ci ha invitato a considerare il mondo, gli organismi, gli ambienti, come macchine, e questa visione meccanicistica del mondo (spesso implicita) si è rivelata profondamente sbagliata. Le discipline sono e saranno fondamentali per aiutarci a semplificare i problemi, ma per risolverli senza danneggiare gli equilibri esistenti dobbiamo rimetterli assieme, affrontarli nella loro complessità.
La nuova scienza di cui abbiamo bisogno deve essere non solo ‘interdisciplinare’ ma ‘transdisciplinare’, guardare ai problemi nella loro complessità, fare attenzione alle semplificazioni – e alle generalizzazioni – necessarie per capire meglio, ma non sempre portatrici di soluzioni efficaci a lungo termine.
Uno dei problemi che il meccanicismo ha creato all’immaginario scientifico è che questa società si aspetta la ‘prevedibilità’: scienza e tecnologia devono poterci dire in anticipo quello che succederà, e se questo non succede – se le catastrofi si rivelano imprevedibili – l’opinione pubblica reagisce con sentimenti di sfiducia e di delusione, anche verso la scienza. In realtà in un mondo complesso ben poco è prevedibile, a volte neanche le macchine. Come dice il filosofo Edgard Morin: bisogna imparare a navigare in un oceano di incertezze fra alcuni arcipelaghi di certezze.
La nostra conoscenza è incerta non solo perché in futuro potrà sicuramente crescere e migliorare (avete mai pensato che la conoscenza è la caratteristica umana che possiamo far crescere indefinitamente senza influenzare gli equilibri del pianeta?) ma soprattutto perché gli eventi reali (non gli esperimenti controllati fatti in laboratorio) dipendono da una tale quantità di circostanze da risultare di fatto imprevedibili. Ogni essere umano, ogni essere vivente, è un sistema complesso, unico e come tale parzialmente imprevedibile, così come unici, e parzialmente imprevedibili, sono gli ecosisistemi..
Se la realtà è largamente imprevedibile e complessa, una scienza della sostenibilità dovrà tenerne conto: affidarsi al ‘principio di precauzione’, fare attenzione alle ‘emergenze’ che denunciano uno scostamento dagli andamenti che ci si aspettava, avere sempre pronto un piano B, un modo per poter tornare indietro senza creare cambiamenti irreversibili, di cui non sappiamo nemmeno immaginare le conseguenze.
La scienza attuale pretende di essere ‘neutrale’, ma cosa si intende per neutrale? Le domande scientifiche nascono sempre all’interno di una società e quindi sono influenzate dalla cultura dominante, ma anche dalle richieste e dalle emergenze della società stessa. La scienza ha messo a punto delle procedure che permettono di ‘validare’ i suoi risultati, nel senso di assicurarne la ripetibilità in condizioni determinate. Ma chi decide quali domande sono sensate o necessarie, quali esperimenti sono finanziabili, quali risultati devono influenzare le ricerche future? Quanto la scienza e le sue domande rappresentano i diversi ‘portatori di interesse’, quanto gli interessi delle donne, dei rifugiati, dei poveri, sono rappresentati nelle domande che la scienza si pone?
La ricerca scientifica è un mondo complesso in cui sono coinvolti interessi economici, sociali, politici, e in cui sono molti ‘i valori’ in gioco. Lavorare per un futuro sostenibile è già una scelta di campo, che mette in primo piano alcune domande – spesso non quelle ad alto rendimento economico a breve termine – a scapito di altre. Anche per questo è fondamentale che economia e scienza rendano esplicito il loro rapporto di interdipendenza e trovino assieme nuove sinergie e nuovi indicatori (superando ad esempio il PIL).
L’economia è necessaria allo sviluppo di una società ma deve essere funzionale al tipo di sviluppo che si vuole raggiungere: una scienza sostenibile richiede una economia sostenibile e viceversa.
Ma chi produce ‘le nuove idee scientifiche’? solo gli scienziati ‘certificati’ dalle università o anche la gente comune? Quella che ogni giorno la utilizza, la vive, la usa a volte inconsapevolmente? Quanto la scienza odierna è capace di riconoscere e utilizzare le ‘conoscenze locali’, tradizionali, anche relative all’alimentazione e all’agricoltura? Se la scienza è un prodotto collettivo è importante non solo che tutta la società sia consapevole delle sue caratteristiche e della sua importanza per un futuro sostenibile, ma anche che sia implicata nella definizione e validazione delle domande a cui rispondere. Abbiamo bisogno di una nuova sensibilità sociale e di una nuova ‘legalità’ che protegga non solo il nostro presente ma anche il nostro futuro.
La scienza sostenibile dovrà coinvolgere il più possibile la gente comune e utilizzarne le indicazioni. Dovrà essere ‘trasformativa’, capace non solo di immaginare ma di costruire il futuro, tenendo sempre presenti le possibili conseguenze di una scoperta, senza delegarle alla tecnologia e all’economia. L’utilizzo sociale di una scoperta è anch’esso un esperimento scientifico che va seguito e controllato per poter rispondere in tempo alle emergenze che potrebbero sorgere.
Una scienza sostenibile dovrebbe essere al tempo stesso tipica di una società ‘resiliente’ – capace di sopravvivere alle emergenze che ci aspettano senza soccombervi e anzi reagendo con spirito di adattamento, ironia ed elasticità mentale – e al tempo stesso ‘rivoluzionaria’ e ‘riflessiva’ – capace cioè di andare controcorrente ma anche di rimettersi continuamente in discussione nella ricerca di una rivoluzione non solo scientifica ma anche sociale.
Per quali padiglioni e quali esibizioni che hai visitato useresti l’aggettivo ‘resiliente’?
Per quali padiglioni e quali esibizioni che hai visitato useresti l’aggettivo ‘rivoluzionario’?
Quale riflessione affideresti ai futuri scienziati per aiutarli a lavorare per una scienza sostenibile?

I risultati del laboratorio educativo su SLIDESHARE

La V edizione dell’International Conference on Sustainability Science (ICSS), 22-24 gennaio 2015

La V edizione dell’International Conference on Sustainability Science si è svolta con successo dal 22 al 24 gennaio 2015 a Tokyo, presso la sede dell’ United Nations University. La IASS ha partecipato all’organizzazione e ai lavori della Conferenza attraverso il coinvolgimento del Direttore dott.ssa Francesca Farioli nello Steering Committee, l’organizzazione della Sessione “ Co-design and Co-creation of Knowledge for Sustainability”, e la partecipazione del Vice Presidente prof.ssa Marialuisa Saviano e del Presidente prof. Fabio Orecchini rispettivamente come speaker all’interno della Sessione organizzata dalla IASS e come panelist all’interno della Tavola Rotonda “Creation of a Sustainable Society in Harmony with Nature”

Book of abstracts ICSS 2015